Sass de le Cros e Sass del Userta

Sass de le Cros e Sass del Userta Taibon Agordino Dolomiti

Sass de le Cros e Sass del Userta

Taibon Agordino | Agordino Dolomiti

 

 

I cosiddetti Sass de le Cros e Sass del Userta sono due delle più curiose e originali attrazioni storiche del Comune di Taibon Agordino, piccolo ed affascinante centro della Conca Agordina in Provincia di Belluno, Regione Veneto.

 

Sass de le Cros e Sass del Userta Taibon Agordino Dolomiti

Alcune delle croci incavate nel Sass de le Cos

Le due attrazioni storiche, valorizzate da un apposito sentiero recentemente ripristinato dopo l’Uragano Vaia del 2018, si collocano poco più a monte del fondovalle di Taibon Agordino, seguendo inizialmente le indicazioni per la frazione di Soccol e la località di Fason (Sentiero CAI 769) sulla destra idrografica del Torrente Tegnas e discostandosi dal sentiero principale seguendo la deviazione che si incrocia sulla destra.

Sass de le Cros e Sass del Userta Taibon Agordino Dolomiti

La prima attrazione che si incontra percorrendo il sentiero è il Sass del Userta; si tratta di una rudimentale caverna costituita dalla sovrapposizione di più massi collassati dal sovrastante Agner che si suppone fosse la tana dell’Userta, un mitologico malvivente agordino del 17° o 18° Secolo. La figura del Userta (letteralmente “Lucertola”) varia in base a chi racconta la storia, e va dal profilo di un piccolo imbroglione fino ad quello ben più serio di un assassino su commissione al soldo di nobili locali.

Sass del Userta Taibon Agordino

Il Sass del Userta

Proseguendo per pochi metri si incontra invece il Sass de le Cros (letteralmente “Sasso delle Croci”); si tratta di una grande roccia staccatasi dal Monte Agner sulla quale i Taiboner hanno inciso, nel corso dei secoli, circa duecento croci stilizzate. Mentre alcune sono molto semplici ed abbozzate, altre di queste croci sono accompagnate da lettere (probabilmente iniziali di nomi propri) e/o iscritte in forme geometriche anche piuttosto elaborate. Alcune portano la data (la più recente sembra essere del 1937), altre ne sono sprovviste ma potrebbero essere molto più antiche.

Sass de le Cros Taibon Agordino Dolomiti

Alcune delle croci del Sass de le Cros

Dato che in zona non mancano rocce simili (per posizione e specifiche) al Sass de le Cros, ci si interroga sul motivo che abbia spinto gli abitanti di Taibon Agordino a decorare il sasso con queste croci ed in epoche distanti tra loro. Si ipotizza ovviamente che le croci con le iniziali avessero un qualche significato propiziatorio per i defunti o fungessero da ex voto.

 

Secondo una versione della leggenda, che si incrocia con quella del succitato Userta, molte delle croci riportate sul Sass de le Cros sarebbero state incise di proprio pugno dal malvivente per ricordare ognuna delle sue vittime; ovviamente questa versione, indubbiamente affascinante e genuinamente popolare, ha poche fondamenta storiche e rimane un bel aneddoto da accompagnare al luogo.

 

Entrambe le attrazioni sono facilmente raggiungibili dal fondovalle di Taibon con una piccola camminata su sentiero sterrato. Abbiamo visitato il Sass del Userta e il Sass de le Cros in occasione del nostro articolo sul Sentiero CAI 769 (clicca qui per leggerlo).

Informazioni turistiche:

Ufficio Turistico di Agordo
Tel. 0437 62105
ufficioturistico@agordo.net

Vai a: Attrazioni Storiche in Agordino

I commenti sono chiusi.