Focobon (Dolomiti)

Gruppo del Focobon

Gioiello dolomitico della Val Biois

 

Il Gruppo del Focobon [Focobòn] è un sistema montuoso delle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO collocato interamente in territorio agordino (Provincia di Belluno, Regione Veneto) ed appartenente alle Pale di San Martino (classificazione SOIUSA: Gruppo delle Pale di San Martino, Sottogruppo del Focobon; classificazione della Fondazione Dolomiti UNESCO: Pale di San Martino, San Lucano, Vette Feltrine e Dolomiti Bellunesi).

Cima agordina tra le più consciute e spettacolari (assieme ad Agner, Marmolada e Civetta), Il Focobon domina con la sua forma inconfondibile caratterizata dalle guglie aguzze il panorama dello splendido villaggio di Falcade in Val Biois, del quale il Focobon è uno dei simboli più conosciuti ed amati. Da Falcade il Focobon appare formato da sole tre cime, a motivo di ciò è detto “la Trinità del Focobon”. 

 

Focobon, Mulaz e Cima Vezzana

Fobobon e Mulaz

La vetta più elevata del Gruppo del Focobon, ovvero Cima del Focobon, raggiunge la ragguardevole altezza di 3054 metri. Il gruppo del Focobon è composto dalle seguenti cime: Campanile del Focobon (2969 m.), Cime del Focobon (3054 m.), Cima di Campido (3001 m.), Campanili dei Lastei di Focobon.

 

Spettacolare come solo le Dolomiti UNESCO sanno essere, il Gruppo del Focobon è molto simile per forma (almeno dalla visuale che si ha da Falcade) alle Tre Cime di Lavaredo ed altrettanto grandioso ed imponente; questo gruppo montuoso si affianca al vicino Monte Mulaz (2906 metri d’altezza) che si presenta invece tondeggiante e massiccio, accenduando il contrasto con le torri del Focobon. Nei pressi della cima del Mulaz, raggiungibile da Falcade e anche dal vicino Primiero attraverso la Val Venegia (Trentino), si trova l’unico rifugio della zona, ovvero il Rifugio G. Volpi di Misurata al Mulaz. Molto amato dagli ospiti delle Dolomiti per l’ambientazione maestosamente suggestiva della zona, il Rifugio Volpi è una meta frequentatissima che merita la fatica dell’ascesa.

Il Focobon è circondato da una fitta rete di meravigliosi sentieri escursionistici tra cui l’Alta Via delle Dolomiti 2; i panorami incredibili delle Pale di San Martino rendono i dintorni del Focobon una delle mete assolutamente da visitare e consigliate a tutti gli appassionati di trekking in montagna.

Focobon

Monte Mulaz dal Passo del Mulaz

A motivo della presenza di Falcade quale stazione sciistica della ski area Alpe Lusia San Pellegrino a cavallo tra Agordino e Val di Fassa, il cui panorama è dominato dalle superbe cime del Gruppo del Focobon,  ultimamente il Focobon viene troppo spesso pubblicizzato erroneamente come cima trentina (quando addirittura non fassana, geograficamente ancora più assurdo), cosa che ovviamente genera non pochi problemi e molto malcontento nella parte agordina delle Dolomiti UNESCO a cui il Focobon appartiene; se è vero che parte delle Pale di San Martino è in Trentino (Primiero), è altrettanto fuori discussione che il Focobon sia totalmente agordino, bellunese e veneto. La rinata ondata di orgoglio agordino a cui si assiste da qualche anno ha permesso di ribadire sui social il concetto più di una volta ai vicini invadenti, spesso con notevole strascico mediatico.

Focobon e Mulaz da Valfredda (Falcade)

Falcade e il Focobon

Torri del Focobon nei pressi del Rifugio Mulaz

Rifugio Mulaz

Focobon vicino al Rifugio Mulaz

I commenti sono chiusi