10 Family-Friendly Attractions to visit in Summer in the Heart of the Dolomites | Agordino Dolomiti

10 Marvelous things to see in Agordino, the Heart of the Dolomites

 

Today we don’t deal with any excurion in our beloved Dolomites UNESCO World Natural Heritage Site, but rather with 10 interesting ideas specifically dedicated to the families that visit during the summer season our Agordino, the Heart of the Dolomites. This is an absolutely subjective selection and it doesn’t include the totality of the things to be visited in our area, of course; thus this article has to be understood just as the simple collection of 10 striking ideas to spend unforgettable moments with the whole family in the Heart of the Dolomites.

 

The criterion we used in this selection is accessibility: all the attractions in this atricle are very easy to reach, also for families with small childern and pets and they are unproblematic from the point of view of fruition, offering a good standard of services which are essential to ensure the enjoyment and well-being of the whole family. Furthermore, we selected the following entries among proposals that can strike children’s immagination, in order to build up a good mixture of natural, historic and cultural attractions. The following entries are not ranked; all of them are equally interesting and capable to make you passionate about the Dolomites even if you are not an experienced mountaineers.

The contacts of our public Tourist Information Offices are present in correspondence of each entry in our list, in case you want to get further information about a specific activity. Of course, for a wider choice of things to do in our area, we invite you to check out all the sections of this blog; we already added some useful links in this article you can freely check out. We hope you enjoy it!

 

1. Marmolada, the Queen of the Dolomites

View on the Northern Dolomites from the Panoramic Terrace of Punta Rocca

A tour of the Dolomites can be considered complete only with a visit to the highest peak of the Pale Mountains, that is Mount Marmolada. With its 3343 meters of altitude, the so-called Queen of the Dolomites (nickname given to this peak by the English explorer Heriette Busk in 1874) rises above all the peaks of the Dolomites UNESCO World Natural Heritage Site. And you don’t have to be experienced climbers to reach the unparalleled altitudes of the Queen: Mount Marmolada is surprisingly accessible also to families and unsportsmanlike guests.

Thanks to the striking Marmolada Cable Car, also these kinds of visitors can reach pretty easily the 3265 meters of altitude of Punta Rocca from the valley floor of the hamlet of Malga Ciapela, in the Agordino Municipality of Rocca Pietore, and enjoy the landscape effortlessly from the highest observation point of the Dolomites, that is the Punta Rocca Panoramich Terrace. A marvelous spectacle that you won’t easily forget, promised!

The Marmolada Cable car is usually open during summer (in order to check the opening times, you can both use the contacts below or check out the Dolomiti Super Summer website). Furthermore, don’t forget to visit the amazing Great War Museum at the intermediate station of Punta Serauta: the museum located at the highest altitude in Europe houses dozens of unbelievable war finds and material of World War 1 in the Dolomites, and the entrance is included in the cable car’s ticket.

 

Tourist Information Offices:

Marmolada Cable Car > click here

Museo Marmolada Grande Guerra 3000 M > click here

Val Pettorina > click here

Rocca Pietore > click here

 

 

2. Andraz Castle

Castello di Andraz

A Tyrolean manor guarding an incredible mining richness that every Empire in Europe wants: Schloss Buchenstein (Castello di Andraz in Italian) is a Medieval castle located in the hamlet of Castello in the Agordino Municipality of Livinallongo del Col di Lana that has been the protagonist of many remarkable historical moments of the history of the Dolomites.

This historical stronghold of the Brixen Episcopate was once placed on the boundary between Tyrol and the Serenissima Republic of Venice. The manor played an importan role as a tactical checkpoint for trade routes and the military defence of the Tyrolean economic interests on the rich Fursil Mines located at the foot of the close Mount Pore. From the Fursil Mines, Tyroleans extracted a particular kind of iron mineral, the manganesipherous siderite: in an era in which steal was long to be discovered, this precious steal-like iron was one of the most profitable metals in Europe, so much so that weapons made in this metal were found in many Spanish and English armory from the 15th, 16th an 17th Centuries. The Andraz Castle was also equipped with a melting furnace in which the siderite minerals were transformed into iron ingots before being transported in Tyrol though the Valparola Pass. The so-called iron route that connects the Fursil Mines to Passo Valparola is known as Strada da la Vena (the Vein Route) and it is nowadays a popular hiking and historical path of the Dolomites.

Setting of many gory battles between Venice and Brixen, but also an important peacetime economic centre between these two States, the Andra Castle has been visited by many remarkable protagonists of the European history, such as Nicholas of Cusa.

Between the end of the 19th Century and the first decades of the 20th, the castle was horribly disfigured both from the Great War as well as from some negative choices of its owners at that time; since to the European subsidy, the Castle has undergone remarkable restoration works early in the last two decades, becoming an extraordinary museum.

The museum of the Andraz Castle is open throughout the whole Summer until mid Autumn. It is a marvelous chance for children to see an original Medieval castle in a striking natural context such as the one of the Fodom Valley and to enter easily in the complex history of the Dolomites.

 

Tourist Information Offices:

Andraz Castle Museum > Click here

Municipality of Livinallongo del Col di Lana > Click here

Valle di Fodom > Click here

 

 

3. “Vittorino Cazzetta” Public Museum of the Fiorentina Valley & the Vile of Somaselva

“Vittorino Cazzetta” Public Museum of the Fiorentina Valley

 In 1985, Vittorino Cazzetta, a local enthusiast of the Dolomites from Selva di Cadore, found some flint arrowheads in the hole of a groundhog right below a big rock on the Mondeval Plateau, near the famous Passo Giau. He immediately notified this and got the immediate feedback of the Padua University, that with a high-altitude archaeological campaign was able to recover the remains of a prehistoric hunter-gatherer and his rich grave goods. The body, called “Man from Mondeval” or more recently “Valmo”, was dated 5500 b.C. (from the Mesolithic era) and represents still one of the most important finds in the entire Alps which opened new horizons for the human presence in the Dolomites.

The body of Valmo, his funeral goods and a lot of other marvellous historical and geological curiosities are housed in the amazing “Vittorino Cazzetta” Val Fiorentina Public Museum in Selva di Cadore. This place is absolutely a must for families to deepen the rich history of the dolomitic area and it offers a wide variety of amusing and interesting activities and workshops for kids and their parents. The museum is open normally thoughout the whole year.

A few steps far from the museum there’s another super interesting place to be visited: the Vile (“villages”) of Somaselva. These ancient groups of houses, barns and mills have undergone recently an incredible tourism enhancement and promotional work that has transformed this area of the Municipality of Selva di Cadore in an open-air museum on rural life in the Dolomites UNESCO. The area includes 37 attractions like mills, ancient houses, wooden barns, churches and much more, explained by well-conceived information panels and enhanced by the exceptional guided tours of the Pro Loco Val Fiorentina. This place represents a dive into the history of the Dolomites that you absolutely have to experience if you are around.

 

Tourist Information Offices:

“Vittorino Cazzetta” Public Museum of the Fiorentina Valley > click here

Somaselva > click here

Municipality of Selva di Cadore > click here

Val Fiorentina > click here

 

4. Lago di Alleghe

Lo specchio d’acqua che adorna lo splendido paesino della Val Cordevole è sicuramente un’attrazione ideale per le famiglie in cerca di una bella passeggiata. Lo spettacolare lago ai piedi del Monte Civetta regala sempre grandi emozioni ai turisti dell’Agordino, caratterizzandosi come una delle proposte basilari per gli ospiti del Cuore delle Dolomiti. L’anello attorno al Lago di Alleghe è costantemente oggetto di miglioramenti che la rendono sempre più accessibile ai visitatori. In zona ci sono inoltre aree gioco, bar, ristoranti e tutti i servizi accessori della località turistica della Val Cordevole che rendono l’esperienza adatta alle famiglie anche con bimbi piccoli.

 

Informazioni:

Giro del Lago di Alleghe > clicca qui

Alleghe > clicca qui

Val Cordevole > clicca qui

 

5. Zipline Civetta

A San Tomaso Agordino, uno dei pasini più… ripidi della zona dei Monti Pallidi ai piedi del Gruppo della Marmolada, si trova la zipline “più alta delle Dolomiti”, ovvero la Zipline Civetta.

Questa meravigliosa attrazione è composta da due funi che coprono una lunghezza di 1600 metri e che collegano la stazione di monte di Canacede alla stazione di arrivo a Celat, con una sosta intermedia. Un’emozione unica per tutta la famiglia, soprattutto nella seconda parte della fune che sorvola di oltre 200 metri le case di San Tomaso Agordino.

La Zipline Civetta è un’attrazione adatta alle famiglie; ovviamente il giro viene effettuato “in tandem” con un genitore se il bimbo è più leggero di 40 chili. Meravigliosa esperienza aerea che viene ulteriormente arricchita dalle splendide vedute sul paese di San Tomaso e sul prospiciente Monte Civetta.

La Zipline Civetta a San Tomaso Agordino è operativa solitamente da tarda primavera all’autunno.

PS: se amate questo genere di attrazioni, non perdetevi il Civetta Adventure Park ai Piani di Pezzè di Alleghe, con 5 meravigliosi percorsi sospesi tra gli alberi del comprensorio Ski Civetta.

 

Informazioni:

Zipline Civetta > clicca qui

San Tomaso Agordino > clicca qui

 

6. Tabià della Val Biois

Immediatamente dopo le cime delle Dolomiti e il paesaggio dei Monti Pallidi, nulla caratterizza l’area dolomitica quanto le meravigliose architetture storiche, tra le quali spiccano sicuramente i bellissimi finili in legno, trasversali a tutta la zona.

Chiamati nelle Dolomiti con vari nomi (in Agordino principalmente con la denominazione di tabià, ma non solo), i fienili in legno sono un vero spettacolo che testimonia al contempo l’arte della costruzione, in materiali semplici ma altamente durevoli, e molti aspetti della vita e della cultura dolomitica (uno su tutti il pjodech, ovvero il servizio comunitario proprio delle Regole Dolomitiche in base al quale si riceveva aiuto dalla comunità per l’edificazione del proprio tabià e si prestava aiuto agli altri membri della comunità quando richiesto).

Nessuna valle delle Dolomiti UNESCO conserva un numero di tabià originali vagamente paragonabile a quello che vanta la Val Biois in Agordino, dove ancora oggi si trovano più di 300 fienili in legno, molti dei quali secolari, sparsi tra i var abitati di Falcade, Canale d’Agordo e Vallada Agordina. Un numero impressionante che vale da solo la pena di una visita.

I tabià della Val Biois sono sparsi ovunque in zona e sono facilmente individuabili anche solo passeggiando per le vie del centro dei paesini; assieme agli affreschi storici de “La Valle con i Santi alle Finestre“, i tabià sono una vera e propria attrazione che merita di essere ammirata da grandi e piccini.

 

Informazioni:

I Tabià della Val Biois > clicca qui

Falcade > clicca qui

Canale d’Agordo > clicca qui

Vallada Agordina > clicca qui

Val Biois > clicca qui

 

7. Cascata delle Comelle

Tra le attrazioni naturali più facilmente approcciabili dalle famiglie in Agordino abbiamo scelto le due Cascate delle Comelle. Situate in fondo alla splendida e selvaggia Valle di Gares nel Comune di Canale d’Agordo, le due cascate delle Comelle si raggiungono con una velocissima passeggiata dal fondovalle di Pian de le Giare e sono sicuramente un vero spettacolo naturale che risulterà gradito a tutta la famiglia.

Le cascate sono originate da due salti che si staccano improvvisamente dal cuore delle Pale di San Martino, creando un meraviglioso effetto che viene amplificato sensibilmente dalla bellezza del contesto naturale della Valle di Gares. Il tutto, lo ripetiamo, a pochi passi da pratiche aree parcheggio, dal Ristorante Capanna Cima Comelle e da molti percorsi adatti a tutta la famiglia.

 

Informazioni:

Cascate delle Comelle > clicca qui

Valle di Gares > clicca qui

Canale d’Agordo > clicca qui

Val Biois > clicca qui

 

8. Cadini del Brenton

Cadini del Brenton

Popolarissimi tra i turisti del Nord Europa, i Cadini del Brenton sono una delle attrazioni naturali più amate della Provincia di Belluno e sicuramente una tra le più adatte alle famiglie.

L’area dei Cadini del Brenton presenta diverse marmitte di erosione idraulica dai colori spettacolari, incluse nel contesto valorizzante del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi in Val del Mis, tra i Comuni di Gosaldo e Sospirolo.

I Cadini del Brenton sono facilmente osservabili con brevissime escursioni all’interno dell’area protetta del parco, a pochi passi da un efficiente centro informazioni, da bar e da punti di appoggio molto pratici e family-friendly.

In loco si trova anche il Lago del Mis, che nel 2018 è stato dichiarato dal Touring Club il secondo lago più bello d’Italia.

 

Informazioni:

Cadini del Brenton > clicca qui

Gosaldo > clicca qui

Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi > clicca qui

Lago del Mis > clicca qui

 

9. Agordo Paese del Graffito

Agordo, cuore istituzionale dell’Agordino, ha molto da offrire ai viaggiatori, ma in questa selezione abbiamo privilegiato qualcosa che potesse essere gradito anche ai bimbi più piccoli. Agordo Paese del Graffito è un’iniziativa dell’artista agordino Dunio Piccolin supportato dall’U.S. Le Ville e patrocinato dal Comune di Agordo che da quasi un ventennio si prodigano per arricchire le frazioni de Le Ville (Toccol, Parech e Prompicai) di meravigliosi affreschi, principalmente legati alla vita rurale. I graffiti, realizzati spesso con la partecipazione dei bimbi delle Scuole Elementari di Agordo, sono molto belli e si possono visitare con facilità passeggiando tra le case di Le Ville; sono inoltre disponibili le mappe con tutte le opere presso l’Ufficio Turistico di Agordo. Agordo Paese del Graffito è particolarmente celebrato nel corso della sagra patronale di San Vincenzo (o Festa del Fanciullo), che si svolge ogni anno il Lunedì dell’Angelo negli abitati di Le Ville e che propone molte attrazioni per i più piccoli oltre ai graffiti.

 

Informazioni:

Agordo Paese del Graffito > clicca qui

Agordo > clicca qui

Conca Agordina > clicca qui

 

10. Valle di San Lucano

El Cor e la Valle di San Lucano

Non può mancare per un tour basilare dell’Agordino una visita a quella che viene definita “la Yosemite Valley delle Dolomiti”, ovvero la Valle di San Lucano. Quest’eremo naturale racchiuso tra le Pale di San Martino rappresenta la valle più profonda delle Dolomtii UNESCO ed una delle più profonde del mondo.

Suggestivamente racchiusa tra le moli di Agner e Pale di San Lucano, a picco sulla valle, la Valle di San Lucano è un luogo così incredibile che non bastano le parole per descriverlo, bisogna visitarlo assolutamente. L’aspetto selvaggio e naturale della zona, così grandiosa ed imponente, rende quasi incredibile il fatto che si trovi così vicina ai luoghi abitati della Conca Agordina e che sia così facilmente raggiungibile. Setting ideale per un picnic nella natura o una giornata di escursione, la Valle di San Lucano è sicuramente uno dei luoghi che non potete mancare di visitare se siete in zona.

 

Informazioni:

Valle di San Lucano > clicca qui

Taibon Agordino > clicca qui

Conca Agordina > clicca qui

 

Inoltre, per approfondire, non perderti:

 

Attrazioni storiche in Agordino

Attrazioni naturali in Agordino

Cosa Fare in Agordino

Le Dolomiti in Agordino

Articoli

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *